COMUNICATO STAMPA DEL 16-09-2015

Comunicazioni inerenti le vicende sull’utilizzo della  Scuola di Villavallelonga per l’Anno Scolastico 2015-2016

 

Premesso che se non fossero stati chiamati in causa gli organi di stampa in modo inopportuno fornendo un limitato e modesto resoconto della questione attuale, legata alle scuole dei Comuni di Villavallelonga e di Collelongo, si sarebbe fatto volentieri a meno di una replica che, al più, sarebbe dovuta rimanere circoscritta.

Purtroppo, alla luce di quanto accaduto, non è possibile sottrarsi ad una risposta, che è divenuta obbligatoria.

Nell’ottica di voler chiarire alcuni punti legati alla vicenda in questione, si riassume quanto accaduto, in base ai documenti che tutti gli Enti coinvolti posseggono, affinché i Destinatari siano in condizione di comprendere l’evoluzione dei rapporti.

Con Nota del 23/10/2014 Prot. 3161, il Sindaco Lippa, nello spirito di collaborazione tra Enti, dava piena disponibilità all’utilizzo dell’edificio scolastico di Villavallelonga per consentire agli alunni delle Scuole Elementari e Medie del Comune di Collelongo, del personale docente e di supporto, il regolare svolgimento delle lezioni per l’Anno Scolastico 2014/2015; invitava l’allora Sindaco di Collelongo ad indire una conferenza di servizi tra gli Uffici Tecnici Comunali per definire i lavori di adeguamento necessari ad ospitare i bambini delle scuole di Collelongo; chiedeva al Comune di Collelongo di interpellare le competenti Autorità Scolastiche per il rilascio dei provvedimenti necessari.

In data 27/11/2014 si svolgeva la richiesta Conferenza di Servizi, di cui però questa Amministrazione ha ricevuto verbale ufficiale solo in data 12-09-2015 dal Sindaco del Comune di Collelongo; non si può non notare, peraltro, che lo stesso non risulta sottoscritto dal Direttore dell’I.C. di Trasacco.

Tuttavia, a seguito della stessa, questa Amministrazione non ha più ricevuto comunicazioni in merito all’utilizzo dell’edificio scolastico di Villavallelonga e nessun’altra interlocutoria è intercorsa tra gli Enti coinvolti, tanto è vero che il trasferimento dei bambini di Collelongo non è avvenuto.

Solo la settimana scorsa, precisamente in data 7 settembre 2015, presso l’Ufficio Scolastico Regionale de L’Aquila, si è tenuta una riunione per definire una soluzione in merito al problema e l’Ispettrice incaricata dell’U.S.R. Abruzzo presente si è impegnata a comunicare ai soggetti interessati, entro il giorno successivo, le decisioni che sarebbero state adottate dallo stesso U.S.R. Abruzzo. Ad oggi tali decisioni non sono pervenute.

Nonostante ciò, in data 10 settembre 2015, il Sindaco Lippa inoltrava al Sindaco Salucci, al Dirigente Scolastico Manna Michele Valentino ed al Direttore U.S.R. Abruzzo Dott. Pellecchia Ernesto, una comunicazione con la quale sollecitava ad indicare ed a formalizzare la soluzione da adottare per ospitare i bambini della Scuola Elementare di Collelongo.

Sabato 12 settembre 2015, questa Amministrazione faceva presente a tutti gli organi coinvolti di non aver ricevuto richieste di utilizzo della scuola da parte del Comune di Collelongo, né autorizzazioni da parte del Dirigente Scolastico, né disposizioni da parte dell'U.S.R. Abruzzo.

Nel pomeriggio dello stesso giorno, il Prefetto de L'Aquila trasmetteva, per conoscenza, alle Amministrazioni Comunali ed al Dirigente Scolastico dell’I.C. di Trasacco, la nota Protocollo n. 3224 inviata all'U.S.R. ed indirizzata al Dirigente dell’Ufficio Scolastico Ambito Territoriale III L’Aquila, in cui ribadiva chiaramente che doveva essere lo stesso Ufficio Scolastico Regionale Abruzzo ad indicare ai Sindaci quali soluzioni adottare, in maniera chiara ed urgente.

Premesso ciò, ci sentiamo anche costretti a rispondere a quanto scritto negli articoli pubblicati in data 15-09-2015 sul quotidiano “Il Centro” e sulla testata on-line “Terre Marsicane” su quanto accaduto il 14-09-2015 davanti la scuola di Villavallelonga, per l'inizio dell'Anno Scolastico.

Il Sindaco di Villavallelonga ha sempre messo a disposizione i locali scolastici del nostro Comune, consentendo lavori di adeguamento per l'accoglienza dei bambini di Collelongo e non la modernizzazione dell'edificio.

Il Sindaco di Villavallelonga, dopo che TUTTI I BAMBINI DI VILLAVALLELONGA E DI COLLELONGO sono entrati a scuola, ha espresso davanti ai Carabinieri, al Sindaco Salucci ed al Direttore Manna, l'impossibilità ad autorizzare l'utilizzo della scuola da parte dei bambini di Collelongo mancando l'autorizzazione dell'U.S.R. Abruzzo richiesta anche dal Prefetto.

I Carabinieri erano già stati allertati dalla segnalazione del Sindaco di Collelongo ed erano già presenti sul posto prima dell’inizio delle lezioni.

La “costrizione” alla pluriclasse, riportata negli articoli prima citati, si sarebbe potuta evitare iscrivendo i bambini di Collelongo presso la scuola di Villavallelonga, cosa che evidentemente non avrebbe giovato alla Scuola Elementare di Collelongo che a quel punto non avrebbe avuto più iscritti, come già successo per la Scuola Media. Peraltro nell’incontro, prima citato, che si è tenuto il 7 settembre 2015 presso l’U.S.R. Abruzzo, in Località Boschetto di Pile, il Dirigente Regionale ha espresso molti dubbi sulla decisione che il Direttore Generale Regionale avrebbe preso riguardo la possibilità di avere più pluriclassi dello stesso livello dentro uno stesso Plesso, in quanto palesemente in contrasto con le indicazioni ministeriali di gestione e contro ogni principio di economicità ed efficienza

Nella struttura scolastica di Villavallelonga c’è un solo corridoio, quindi i bambini NON sono stati divisi in due corridoi ed inoltre alle sistemazioni delle classi hanno provveduto le insegnanti in accordo con il Dirigente Scolastico Manna.

Rispetto alla proposta di unire le classi formando cioè una sola classe prima, una sola seconda e così via, mantenendo però i Codici Identificativi di entrambe le Scuole Elementari, il Dirigente Manna chiedeva l'approvazione all'unanimità, ma la stessa non è stata accolta dalla maggioranza dei genitori degli alunni di entrambi i Paesi.

Questa Amministrazione respinge al mittente le accuse di campanilismo e di ostruzionismo, sottolineando la massima disponibilità sempre accordata e ribadita non solo a livello comunale ma di tutti i genitori dei bambini di Villavallelonga, che sin dallo scorso anno avevano mostrato sensibilità verso la situazione di difficoltà della scuola di Collelongo, accettando il trasferimento a Villavallelonga dei bambini sia della Scuola Elementare che della Scuola Media.

Tutelare i bambini è nel nostro interesse, far sì che le scuole restino aperte è di fondamentale importanza per i nostri Paesi, ma è ancor più importante, nonché una condizione necessaria, assumersi le responsabilità in maniera chiara e decisa, aspetto mancante di tutta la vicenda e di certo non imputabile a questa Amministrazione.

 

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale

Documento allegatoDimensione
Comunicato Stampa 16-09-2015.pdf246.04 KB

TUTTE LE ISTANZE INERENTI LO SPORTELLO
UNICO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE,
DEVONO ESSERE INOLTRATE TELEMATICAMENTE,
UTILIZZANDO IL PORTALE impresainungiorno.gov.it